Blog: http://generazionep.ilcannocchiale.it

NOI CI METTIAMO LA FACCIA! E DICIAMO BASTA AGLI STAGE GRATUITI di Marco Patruno

 



Antonella Appiano scrittrice e giornalista, Mariano Sabatini giornalista, critico televisivo e scrittore, la mitica e combattiva Francesca Nava giornalista e inviata del programma Piazza Pulita e Federico Rizzo regista del film Fuga dal call center sono alcuni dei professionisti che hanno aderito all'iniziativa Noi ci mettiamo la faccia! per dare il loro sostegno alla petizione online STAGE GRATIS? NO, GRAZIE! promossa da questo blog.




La petizione STAGE GRATIS? NO, GRAZIE! Chiede l'introduzione del principio di retribuzione minima per tutte le tipologie di stage e di tirocinio previste dall'ordinamento italiano. Per aderire alla petizione basta cliccare sul seguente link e firmare con il proprio nome e cognome. http://www.petizionionline.it/petizione/stage-gratis-no-grazie/5547 al compimento del raggiungimento di mille nominativi ripeto completi di nome e cognome, consegnerò questa lista accompagnata da una lettera di richieste all'attuale ministro del lavoro. Più siamo meglio è.


All'iniziativa Noi ci mettiamo la faccia! che accompagna la petizione possono aderire tutti quanti giovani precari, stagisti, pensionati, scrittori, operai metalmeccanici, studenti, impiegati...ecc Utilizzando questo semplice programma che crea postit gratuitamente http://wigflip.com/superstickies/ Dovete scrivere il titolo della petizione “Stage Gratis? No, grazie! Il vostro nome e cognome e la vostra professione. E mandarmi tutto a generazionep@libero.it mettendo come riferimento nell'oggetto dell'email “Io ci metto la faccia!”


L'iniziativa Noi Ci mettiamo la faccia! nasce con l'obiettivo di coinvolgere da una parte il mondo dei professionisti chiedendo loro di prendere una posizione sul problema dei stage gratuiti che assai spesso si trasformano in lavoro gratuito e dall'altra parte anche di riuscire a coinvolgere chi più o meno direttamente e colpito da questa devianza, direi degenerazione degli stage gratuiti.


Oggi credo che sia necessaria una sorta di alleanza tra chi opera nel settore della comunicazione, la società civile rappresentata da varie categorie di lavoratori e nel suo complesso e i giovani stagisti che spesso vivono in silenzio e incatenati dalla paura il periodo di stage o di tirocinio subendo diverse forme di abusi. E ora di cambiare. E ora di dire basta. E ora di metterci la faccia!






Pubblicato il 28/11/2011 alle 8.55 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web