.
Annunci online

generazionep
30 agosto 2010

MORIRE DI AMIANTO E L'ACCANIMENTO DELLA BUROCRAZIA di Marco Patruno


 

Mario Barbieri ha lavorato per 27 anni ai Nuovi Cantieri di Apuania. Marina di Carrara, ha svolto varie mansioni addetto manovre gru, addetto allo spostamento di lamiere sottoposte a sabbiature, distruzione di materiale fibro – amianto. Nel 2002 gli viene riconosciuta un 'insufficienza respiratoria con broncopneumopatia cronica riacutizzata, enfisema bolloso, asbestosi, cuore polmonare cronico e una tac evidenzia trasparenza ridotta del parenchima polmonare a tipo fibrosi con aree enfisematose...tipica diagnosi di chi ha respirato amianto per tanti anni...

Mario Barbieri inizia un ' ossigenoterapia di 24 ore e una ventilazione meccanica nottura per superare quei tipici fenomeni allucinatori in paziente. Le sue cure sono affidate alla famiglia Barbieri che proprio nello stesso periodo fa causa all'Inail di Carrara per il riconoscimento della malattia professionale. Ma L'Inail ha contestato l'esposizione a rischio. Mario Barbieri non avrebbe contratto la malattia duarante la sua carriera lavorativa. Ma una perizia della Commissione medico-legale da ragione alla famiglia Barbieri. Nel luglio 2006 il giudice condanna l'inail di Carrara a liquidare una rendita per asbestosi polmonare, grado invalidante 80%. Mario Barbieri muore nel novembre 2006. Dal gennaio 2006 l'inail ha versato ai tre figli di Mario Barbieri e alla moglie gli arretrati e la reversibilità mensile, ma subito dopo fa appello sostenendo nuovamente la posizione che non c'è stato alcun nesso fra la malattia e l'esposizione al cantiere in relazione alle mansioni lavorative svolte da Mario Barbieri Stavolta il giudice di Genova da ragione all'Inail e la famiglia Barbieri perde la causa. Adesso la famiglia Barbieri deve dare tutti gli arretrati all' Inail. La famiglia Barbieri si e rivolta alla Cassazione.

Strano è il mio paese dove si può morire sul lavoro giorno dopo giorno, rimanendo esposti a sostanze killer come l'amianto. Una morte prolungata nel tempo, più invisibile, ma non meno tremenda. La storia di Mario Barbieri è tratta dal libro “Amianto” della giornalista Stefania Divertito.

Ma oltre al danno c'è anche la beffa. Perché si può morire anche burocraticamente. Quando la burocrazia si rifiuta con una testardaggine inaudita il dovuto riconoscimento economico nei confronti di una famiglia che ha già dovuto patire mille sofferenze. Sia durante il periodo di cura di Mario Barbieri e poi con la sua scomparsa. Ma a queste sofferenze si aggiungono anche quelle giudiziarie e di una burocrazia cieca e sorda che non si ferma all'evidenza dei fatti accanendosi sulle sofferenze di questa famiglia.


 


12 agosto 2010

AMIANTO. RITRATTO DI UN SERIAL KILLER: INTERVISTA ALLA GIORNALISTA STEFANIA DIVERTITO di Marco Patruno

Intervista a Stefania Divertito pubblicata il 9 novembre 2009 su http://generazionep.blog.lastampa.it Per offerte di collaborazioni contatti marco generazionep@libero.it

Il 14 ottobre è uscito in libreria. Amianto. Storia di un serial killer di Stefania Divertito per conto delle Edizioni Ambiente http://www.edizioniambiente.it Lo straordinario ed emozionante viaggio inchiesta di una giovane giornalista tra le fabbriche della morte, sulle navi che ancora intossicano i porti, alla scoperta di un “serial killer”   invisibile e presente ovunque intorno a noi, e che si chiama Amianto. Ma è anche un viaggio tra l’umanità e il coraggio di chi deve combattere la sua piccola – grande battaglia contro l’ottusità della burocrazia e l’indifferenza della classe politica per ottenere anche una semplice richiesta di pensione. Nel libro trovate anche una interessante e dettagliata introduzione di Alessandro Sortino. Non mi rimane che ringraziare Stefania Divertito per l’intervista che mi ha gentilmente concesso, e vi lascio al suo viaggio…
Marco Patruno - Nel tuo libro inchiesta sui morti causati dall’amianto, ti occupi di due casi che coinvolgono rispettivamente i signori dell’Eternit e la Marina militare. Qual è la situazione attuale?
Stefania Divertito - Il 10 dicembre infatti entrerà nel vivo il processo ai “signori dell’Eternit”, a Torino. Il gup Cristina Palmesino ha rinviato a giudizio per disastro doloso e rimozione volontaria di cautele il magnate svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Jean Loui De Cartier De Marchienne. E adesso inizia la fase dibattimentale. C’è tanta attesa per questa vicenda giudiziaria dalla quale ci si aspetta anche una condanna esemplare in quanto quello che è andato scena a Casale Monferrato è stata la devastazione ambientale e la contaminazione di un’intera città (e di una generazione di abitanti). Oramai le parti lese sono quasi tremila. Un’enormità
Il 12 gennaio poi finalmente inizierà il processo a Padova contro 8 ex alti ufficiali della Marina Militare: anche in questo caso stiamo parlando di una vicenda lunga e complicata. Gli otto imputati, che negli anni al centro delle indagini hanno ricoperto ruoli di rilievo, sono chiamati a rispondere, tra l'altro, di omicidio colposo. L’inchiesta della procura di Padova è durata molti anni e solo recentemente ha avuto un’accelerazione anche perché l’atteggiamento della Marina è mutato: da negazionista ha iniziato a collaborare tanto che all’inizio di settembre ha offerto alle famiglie  delle due vittime per le quali il procedimento è iniziato, un maxi risarcimento di 850 mila euro ciascuno.È un fronte questo che ha aperto la strada alla speranza di molte famiglie: sono circa 400 infatti i  militari che si sono ammalati o sono morti per l’amianto respirato a bordo delle navi.
Marco Patruno - In Italia muoiono 4000 persone a causa dell’amianto. Una ogni cinque minuti. E alcune di queste persone non hanno mai messo piede sui luoghi di lavoro dove c’era l’amianto. Puoi spiegarci meglio questo punto? Hai qualche dato numerico, per cosi dire, di queste “morti indirette”?
Stefania Divertito - Consideriamo che, secondo i recenti dati dell’Ispesl, esistono in Italia più di 27 mila siti contaminati da amianto. Non è un problema che riguarda solo i lavoratori ma tutti noi. Basti pensare che, come ci hanno raccontato gli esperti nel recente convegno mondiale che si è tenuto a Taormina, il 15% dei mesotelioma (che è il classico “tumore da amianto”) non ha ancora una fonte di esposizione certa.  Questo vuol dire che potrebbe essere insorto ovunque.  Senza considerare poi le famiglie dei lavoratori a rischio: le mogli che lavano le tute di lavoro in lavatrice, i figli che abbracciano i papà al rientro a casa. A Casale Monferrato oramai questi casi non si contano neanche più. Eppure basterebbe così poco attuare una corretta prevenzione! Il problema sta nella miopia delle aziende. Anche se bisogna dire che in tempi recenti c’è una maggiore consapevolezza proprio causata dai costi dei risarcimenti e degli indennizzi.
Marco Patruno-Costa meno risarcire un operaio malato o morto a causa dell’amianto, che salvarli i polmoni. Insomma, la prevenzione e la sicurezza in Italia vengono ancora percepite come costi, e non come una forma di investimento?
Stefania Divertito - Mi colpiscono molto i racconti dei lavoratori delle ferrovie: per anni hanno manipolato pannelli di asbesto, respirando le fibre senza neanche una mascherina, eppure l’azienda tutt’oggi è reticente nel consegnare i curricula esatti per ottenere i benefici previdenziali previsti dalla legge. In moltissimi casi i vertici di Ferrovie negano che ci sia stata contaminazione ambientale anche se esistono decine di testimonianze e relazioni dei responsabili per la sicurezza sui posti del lavoro che dicono l’esatto contrario.
Marco Patruno - Hai intervistato molti famigliari di malati e vittime dell’amianto, quali aspetti delle loro testimonianze ti sono rimasti, a te come persona, più impressi?
       Stefania Divertito- La caparbietà. La rassegnata caparbietà, mi viene da dire. Sono persone molto forti che in questa lotta per ottenere una forma di giustizia (spesso i risarcimenti sono talmente irrisori…!) vedono una battaglia ben più grande, quella per riscattare la memoria dei loro cari e inchiodare alla Giustizia, con la g maiuscola, i responsabili di queste  morti assurde.
 Marco Patruno - Secondo te, nel prossimo futuro cosa si dovrebbe fare in Italia sul fronte della sicurezza sui luoghi di lavoro?
Stefania Divertito - Soprattutto mappare i luoghi a rischio. È un compito affidato alle
        Divertito_amianto

luglio        settembre
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
generazionep
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca