.
Annunci online

generazionep
8 febbraio 2016

LA PERCEZIONE DEL FALLIMENTO NELLA DITTATURA PSICOLOGICA DEL SUCCESSO di Marco Patruno

Come è noiosa la mia società, tremendamente noiosa. Libri, giornali, televisione, cinema non fanno che raccontare il successo. Imprenditori di successo, dirigenti di successo, giovani di successo, start up di successo, dipendenti di successo, precari di successo è l'elenco potrebbe essere lunghissimo, anzi infinito. Viviamo prigionieri in una sorta di dittatura psicologica del successo dove i mezzi di comunicazione di massa dicono a te: “caro giovane, devi fare come i tuoi coetanei che hanno avuto successo.”


Il fallimento nella società fotocopia dell'economia di mercato è bandito, censurato il più delle volte e rischia di essere vissuto come una sconfitta. Il fallimento diventa come un ombra della nostra esistenza che va rinchiusa in un cassetto e la chiave gettata in un dirupo. Dobbiamo ricominciare tutto da capo facendo finta che non è mai esistito un prima.


Il fallimento diventa sinonimo di sconfitta, di una partita che è stata persa e anche malamente. Il successo viceversa diventa sinonimo di coraggio, intelligenza, volontà, un modello da imitare e ammirare. Ma non è cosi', il fallimento non è una sconfitta, ma è il vero coraggio di chi non è rimasto fermo, di chi non è rimasto immobile con le mani in tasca aspettando che le cose cadessero dal cielo.


Vi confesso che negli ultimi tempi ho maturato dentro di me un desiderio. Raccontare la storia di imprenditori e imprenditrici che hanno fallito, di start up che sono morte prematuramente, di giovani precari che hanno perso continuamente il loro lavoro iper- flessibile. Credo che da queste storie abbiamo tantissimo da apprendere e scoprire.


Ma chi mai lo farebbe?! Vi direte legittimamente. Avete ragione, credo che sono poche, davvero poche gli uomini e le donne disposti a raccontare i propri insuccessi. La dittatura psicologica del successo rende i nostri fallimenti come dei stupri subiti nel corso della nostra vita che ci fanno quasi vergognare come se non fossimo all'altezza della situazione. La dittatura psicologica del successo ci rende degli eterni adulatori di qualcosa che non saremmo mai.



Contatti marcopatruno1980@libero.it



gennaio        marzo
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
generazionep
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
ultimi post
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca